WIFI HOTEL

NEWS



05-02-2015 - Marriott rinuncia a bloccare la connessione wi-fi personale

Lo scorso ottobre negli USA la nota catena alberghiera è stata multata per aver bloccato la connessione wi-fi personale dei delegati a un congresso in svolgimento presso uno degli hotel, obbligandoli ad utilizzare la connessione a pagamento. Marriott ha comunicato che non impedirà più agli ospiti di utilizzare i propri dispositivi come hotspot wi-fi, anche se continuerà a chiedere alla commissione federale di chiarire quali misure alternative possono essere adottate per proteggere i dati dei clienti. Ulteriori informazioni al seguente link.


28-01-2015 - Novità bonus digitalizzazione

La legge di stabilità 2015 introduce alcune novità in ambito agevolazioni per il settore del turismo. In particolare, cambiano le condizioni per accedere al credito d’imposta del 30% sui costi sostenuti per gli investimenti sui servizi di connettività wi-fi: la struttura ricettiva deve, infatti, garantire una connessione con velocità minima in download di 1 Megabit/s. Ulteriori approfondimenti qui.


18-12-2014 - Facebook ridurrà la visibilita' dei post delle pagine.

Nei giorni scorsi Facebook ha annunciato l’ennesimo cambiamento nell’algoritmo che seleziona i contenuti postati e quindi visibili ai fan delle pagine. Lo scopo sarebbe quello di migliorare sempre più l'esperienza dell'utente, fornendo contenuti davvero interessanti per lui. In particolare, da gennaio 2015 introdurrà un nuovo controllo sul numero di post troppo promozionali che ogni utente potrà visualizzare nella propria home feed. Questo significa che hotel, ristoranti e altre attività siano 'spinte' ad investire per acquisire maggiore visibilità, soprattutto se intendono informare gli utenti su eventuali promozioni o last minute. Maggiori informazioni qui.


10-12-2014 - Cambiano i risultati di ricerca su Google per gli hotel.

È notizia recente, come riporta Bookingblog: Google.com ha rimosso Carousel, la barra nera orizzontale che presentava per immagini i risultati di ricerca per hotel, ristoranti e locali notturni. Negli USA, adesso, se si cerca un albergo, compaiono gli annunci sponsorizzati Adwords, un riquadro con tre hotel e le rispettive tariffe riprese da Google HPA, il link “see more results” e quindi i risultati organici. Sono scomparse, inoltre, le mappe. Conclusione, ovvia: viene data la priorità ai risultati a pagamento. Cosa succederà da noi? Approfondimenti a questo link.


03-12-2014 - Cresce la spesa dei turisti sui canali digitali.

Secondo la ricerca dell’Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano, la spesa dei viaggiatori che passa attraverso i canali online è cresciuta del 10%, per un valore complessivo di circa 9 miliardi di euro nel 2014. Questa cifra comprende sia gli acquisti di italiani che scelgono destinazioni nazionali o all’estero, sia quella degli stranieri che vengono in Italia. Il dato è molto interessante, se consideriamo che il settore turistico è particolarmente rilevante per il nostro paese e, inoltre, che il digitale è ormai un canale affermato e in crescita tra le abitudini degli utenti. Un promemoria per le strutture che devono scegliere in quale modo promuovere la propria attività. Ulteriori informazioni a questo link.


10  11  12  13  14  15  16  17  18  19 

Immagine scheda